Storie e Racconti del Mare con il M° Soldatini

Il Maestro Roberto Soldatini è ritornato come gradito ospite di questa edizione 2016 di Storie e Racconti del mare, accompagnato con il suo preziosissimo Stradivari.
13086657_1705146333101593_6834112235831277822_oUna mattinata di suoni e colori scandita dalle meravigliose immagini del mare delle isole greche e dai racconti del Maestro Soldatini, oltre che da brevi e toccanti passi musicali da lui interpretati con impagabile maestria e leggerezza.
L’incontro è stato l’occasione per presentare ai nostri soci il suo ultimo lavoro letterario, il libro Sinfonie Mediterranee, edito dalla Nutrimenti e soprattutto per ascoltare i racconti di un viaggiatore di un tipo ormai raro, un viaggiatore che “viaggia per vedere”.
Così l’incontro si è presto trasformato in un ascolto rapito, teso ad ascoltare i racconti di questo strano trio rappresentato da Roberto, il suo Stradivari e Denecia, la barca che da anni è diventata la sua casa.
Roberto, lo Stradivari e Denecia

Roberto, lo Stradivari e Denecia

Momento particolarmente toccante è stato l’interpretazione di una sperimentazione comunicativa alla quale il M° Soldatini sta ultimamente lavorando: la lettura di alcuni passi di opere letterarie marinaresche, recitate in fusione con brani musicali. E’ stato cosi che stamattina, all’interno della Sala Gatti, sono risuonate le note di Bach mentre in contemporanea il maestro recitava un passo da Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne, interpretando parole particolarmente significative nelle quali l’autore spiega, attraverso la voce del Capitano Nemo, la grandiosità libera del Mare ché solo sulla sua superficie, e parzialmente, può essere assoggettato ad un potere mentre, appena sotto di essa, cessano di esistere confini, autorità e barriere.

Mare, suoni, barche, filosofia. Storie e Racconti del mare ha vissuto un’altra bellissima giornata alla cui riuscita hanno partecipato anche il Maestro Salvatore Accardi, gradito mentore artistico della nostra sezione e il socio Claudio Mazza che, dopo cotanto cibo per lo spirito, ha ben pensato a contribuire alla chiusura di questo terzo incontro con un ottimo rinfresco.
Appuntamento per tutti al prossimo evento che concluderà questa rassegna 2016 e avrà come tema il Progetto Aene, la storia di un impresa che ha fatto diventare la nostra sezione un riferimento per la vela nazionale.

Buon vento!
A.Serani
Ufficio Stampa
LNI Sezione Pomezia

 

Share